Blog

Le cose belle di settembre: i progetti, le nuove vetrine, la riorganizzazione di casa ed una nuova stagione di home staging!

Non voglio fare quella positiva a tutti i costi, ma a me settembre piace. E molto!
Mi piace il clima, l’aria che si rinfresca, il sole più pulito, il maglioncino la sera. I turisti ripartono, si abbassa il volume della musica, si rientra a casa prima. Sul paesaggio di Cesenatico riprendono vita i pescherecci (fra un paio di giorni si riapre la pesca), le motonavi turistiche rientrano nei cantieri navali a fare un riposino, i bagnini stendono tutti i lettini in fila per lavarli e farli asciugare al sole ancora bello caldo. E ci reimpossessiamo del nostro paesino. Si torna ad una dimensione più contenuta. Quella che preferisco.
canale.jpg
Mi piace quell’atmosfera che si respira a settembre di riorganizzazione, di ripartenza, di progetti e di nuovi propositi. Settembre per me è il vero primo giorno del nuovo anno. Di progetti e buoni propositi quest’anno ne ho parecchi.
Per cominciare bene sono andata a fare una capatina del mio negozio di abbigliamento preferito, Gulié a Savignano sul Rubicone e ho fatto un piccolo assaggio di shopping autunnale. Mia sorella non riesce a comprare qualcosa di invernale quando fuori c’è ancora il sole caldo, io invece dal 1 settembre sono già in pieno mood autunnale. E infatti…:
gulie.jpg
Ma torniamo ai buoni propositi. Partiamo da quello fisicamente più impegnativo: il decluttering. Amo liberare spazio e buttare cose vecchie. Non riesco nemmeno a guardare la trasmissione “Accumulatori seriali”, mi viene l’ansia!
I miei genitori mi hanno passato questo atteggiamento: non vivere attaccati al passato. Averlo dentro, farne tesoro, imparare da lui ma lasciarlo andare. A casa mia (quella d’origine) non si conservano cose vecchie, anche se importanti. Si ripulisce, si libera e si fa spazio al nuovo. E così che sono cresciuta e così faccio a casa mia.
Non ho mai conservato i miei libri e quaderni di scuola, i miei disegni, i diari di quando ero adolescente. Non conservo più le lettere. Anche perché se inizio a rileggere qualche lettera di moltissimi anni fa mi rendo conto che praticamente me la ricordo a memoria! Non tengo i vestiti che non mi vanno più anche se li ho messi una volta sola: se sono fermi lì da 10 anni non mi tornerà mai voglia di metterli di nuovo (a parte che non ci entro più).
Faccio perfino selezione delle mie adorate maglie a righe…
righe.jpg
Non ho mai conservato oggetti tipo bomboniere o biglietti di regali: mi hanno fatto felice nel momento in cui li ho ricevuti quindi il loro lavoro lo hanno già fatto, è inutile tenerli lì su una mensola o in un cassetto per sempre. Non ho i miei vestiti o i miei giochi di quando ero piccola, mi basta avere la mia infanzia nel cuore. E quando non avrò più la memoria non sarà un vestito da bimba dei primi anni settanta a farmi riprovare quelle emozioni.
Quindi via tutto!
kondo_marie_-_il_magico_potere_del_riordino.jpg
Due anni fa ho letto il famoso libro della Kondo “Il magico potere del riordino” e mi è piaciuto moltissimo. A parte qualche passaggio da ricovero in TSO tipo questo: “quando rientri a casa la sera svuota completamente la tua borsa, ringraziala per il lavoro che ha fatto durante il giorno e riponila in un armadio a riposare”. Uguale a quello che faccio io: entro il casa, lancio la borsa sullo sgabello della cucina piena di scontrini del bar, tagliandi del parcheggio, foglietti di appunti e pacchetti di creackers frantumati (per fortuna ancora sigillati nel loro sacchetto trasparente). A parte questo e altri piccoli passaggi adoro quel libro, ogni tanto lo riprendo in mano e rileggo qualche riga per spronarmi a liberare un cassetto, un armadio, una stanza.
Per questo autunno il predestinato è il garage, il mio punto di sfogo (non pubblicherò mai, ripeto mai, una foto del “prima”!). All’arrivo dell’inverno voglio avere un garage semi-vuoto, pulito e organizzato. Non vedo l’ora di aprire quelle scatole e liberarmi delle cose vecchie. Ora che l’ho reso pubblico mi tocca farlo.. un lavorone!
Vorrei condividere i miei buoni propositi per questa nuova stagione ma questo post sta diventando troppo lungo e così… non potrò raccontare che collaborerò come docente con una scuola di home staging milanese molto prestigiosa come Karisma, che da metà settembre tornerò a Detto Fatto su Raidue per una serie di puntate e tanti nuovi super progetti come la giornata di networking e formazione CampMeUp. Devo rimandare il tutto ai prossimi post…
Vi aspetto qui 🙂

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *